Luigi Perillo, presidente di Superbia Management: “Presto novità incredibili”

Luigi Perillo è presidente e socio fondatore di Superbia Management, la prima agenzia di management sportivo nell’ambito delle MMA in Italia.

Superbia si occupa di gestire la carriera dei propri atleti in modo completo, offrendo loro un’ampia gamma di servizi: dall’assistenza legale e fiscale nella stipulazione dei contratti con le promotion fino alla gestione del personal branding, della comunicazione e delle public relations. Inoltre l’agenzia svolge un lavoro specifico sulla performance sportiva dei suoi fighter, con l’organizzazione dei fight camp e l’affiancamento agli atleti di professionisti quali nutrizionisti, mental coach e psicologi sportivi.

Ma non solo: Perillo e soci, infatti, sono anche gli organizzatori dell’evento The Golden Cage, che per ora ha all’attivo due edizioni. Il format di TGC promuove il concetto di intrattenimento sportivo, unendo sport (ovviamente le MMA) e musica (in particolare il genere hip-hop) all’interno di un unico appuntamento. Lo scopo è quello di avvicinare nuovo pubblico puntando su un target giovane, e di fare leva sui valori condivisi da questi due mondi, che hanno diversi punti di contatto.

Dopo questa premessa, spazio alle parole di Luigi Perillo, che ringraziamo per la disponibilità.

A giugno è tornato The Golden Cage con la sua seconda edizione, impreziosito dalla diretta Tv su Fox Sports. A distanza di diverso tempo ti chiedo un bilancio di quell’evento. In particolare, cosa pensi abbia funzionato e in cosa, invece, potete ancora migliorare?

Siamo molto soddisfatti di come è andata la serata. Ancora una volta abbiamo dimostrato di essere l’unico show entertainment in Italia. I numeri che ci ha fornito Fox Sports sono stati incredibili (si parla di 68 mila visualizzazioni, ovvero lo 0,3% di share, notevole per un canale a pagamento, nda) e gli sponsors hanno davvero apprezzato il lavoro fatto e ci hanno garantito una continuità per il prossimo futuro.

La data è stata sicuramente penalizzante per il fatto che quello stesso giorno tutte le scuole di Milano e provincia erano impegnate nelle varie feste di chiusura anno e abbiamo quindi “perso” moltissimi ragazzi . Staremo sicuramente più attenti nella scelta delle prossime date, anche se penso che in futuro sarà più un evento “autunnale-invernale” che “primaverile-estivo”. Possiamo sicuramente migliorare molti piccoli dettagli, sperando che Milano ci possa offrire nuove locations più idonee.

Inoltre miglioreremo sicuramente la card ed ora, con l’aiuto di Pietro Orante, ci sarà sicuramente un importante up-grade. Tutte le altre promotion (che a me piacciono moltissimo) si “vantano” di fare solo MMA e non mancano le critiche al mio evento sul lato show. Ma io continuo a vedere una sorta di “copiatura” di The Golden Cage nei vari tentativi di inserire timidissimi, e appena accennati, momenti di intrattenimento. Beh, posso solo dire: cari colleghi, osate di più! Il pubblico vuole soprattutto divertirsi!

The Golden Cage 3. A che punto sono i preparativi? Puoi darci qualche anticipazione? 

The Golden Cage 3 sarà l’ultima puntata del programma televisivo (Docu-Reality) che stiamo realizzando. Tutto il resto è top secret in quanto ci saranno delle novità (anche internazionali) davvero incredibili!

TGC 3 godrà ancora di una diretta televisiva?

Certamente. Da anni ormai gestisco, con il mio studio di Commercialista a Milano, personaggi del mondo dello spettacolo, televisione, cantanti, etc. Abbiamo inoltre da 3 anni una partnership con una nota agenzia di Roma che lavora con il cinema da moltissimo tempo. Per noi è quindi fisiologico avere uno stretto rapporto con la diretta televisiva. In Superbia Management SA c’è un comparto gestito dal famoso regista Riccardo Recchia che è davvero un vulcano di idee oltre che di conoscenze eccezionali!

Come procedono i lavori per la realizzazione del docu-reality? Ha aderito il numero di sponsor che ti aspettavi? Quando andrà in onda?

Abbiamo un Title sponsor che ha coperto il 100% di quanto la produzione esecutiva ci ha indicato come costo totale. Siamo davvero molto soddisfatti. Viacom, con il canale Spike TV (dove spesso va in onda Bellator), ci ha formalizzato il loro interesse. Il resto è ancora top secret.

Superbia Management ha subito dei cambiamenti in seguito alla fuoriuscita di alcuni membri che si sono messi in proprio. Ad oggi, chi è rimasto in Superbia e con quale ruolo? In cosa è cambiato il management e la sua organizzazione dopo questo “restyling”? 

È cambiato davvero molto. Abbiamo un nuovo dipartimento Social Media Management, Brand, Sponsor, grafica-video e soprattutto un nuovo matchmaker che conoscete tutti. Il comparto Legal, PR, TV, Administration è rimasto invariato. Devo dire che dopo quanto è accaduto moltissimi colleghi, coach, atleti e addetti ai lavori mi hanno chiamato. Questo vuol dire che io personalmente ho seminato molto bene e di questo ne sono fiero e orgoglioso. I risultati li avete visti: in poco più di 2 mesi partecipazione come “Road To The Golden Cage” in 2 eventi e il roster di atleti notevolmente ampliato.

Tutto questo grazie al lavoro che stiamo facendo io e Pietro Orante, che è davvero indispensabile! Siamo l’unica promotion in Italia ad avere sponsor internazionali e multinazionali, e questo la dice lunga. Abbiamo consolidato il rapporto con Nintendo, che ci ha dato la possibilità di sviluppare un nuovo progetto su cui proprio in questi giorni stiamo lavorando. Per le altre domande posso solo rispondere che Superbia Management è una società per azioni e gode della rinomata riservatezza svizzera che tutela tutti i suoi soci.

State ampliando notevolmente il roster di atleti che seguite, dopo aver perso qualche nome passato alla concorrenza. Molte new entry sono fighter giovani e promettenti. È in atto un cambio di strategia? Quanti atleti seguite attualmente?

Sì, ci sono molte new entry. Ho sempre voluto dare la possibilità anche ai dilettanti di iniziare un percorso che li portasse a debuttare nel mondo dei Professionisti, ma questo mi era negato dal precedente matchmaker, che invece ha sempre avuto una politica di gestione focalizzata solo e unicamente sui pro.

In questo momento stiamo gestendo circa 30 atleti e posso dire con orgoglio che stiamo costruendo anche una squadra di donne davvero incredibile: ne sentirete parlare!

Ogni giorno ci arriva una richiesta, anche dall’estero. La nostra serietà inizia a fare strada! Credo che arriveremo a 50 atleti entro fine anno. Attenzione però! Avere molti atleti non è sinonimo di mediocrità: il manager di Cristiano Ronaldo non ha solo Cristiano Ronaldo! Si potrebbe pensare che siccome sono molti allora significa che verranno trascurati. Assolutamente no, anzi! E i nostri fighters possono dirlo! Inoltre, proprio perché così tanti e così diversi, ogni volta si creano immancabilmente sempre nuove opportunità e stimoli per tutti!!

Resta il fatto che il nostro lavoro è davvero una grande responsabilità, bisogna fare le scelte giuste. Soprattutto bisogna stare molto attendi con i dilettanti per evitare che si demoralizzino e/o “brucino” la loro carriera fin dall’inizio.

Da dove nasce e quali obiettivi si pone l’accordo con Venator e Born To Fight? 

Superbia ha nello statuto, che io ho personalmente curato, il fine di collaborare con tutti!

La BFT Family e Claudio Alberton, che è una persona davvero incredibile, mi hanno stupito per come lavorano e sanno organizzare. Alberton inoltre è uno stratega bravissimo con una esperienza pazzesca.. Ma non fatelo arrabbiare (ride, nda)! Organizza sia eventi per i dilettanti che big event, tutti con molto impegno. E non dimentichiamoci che è stato tra i primi in assoluto a portare qualcuno “in the cage”!

È stato il primo a chiamarmi dopo i cambiamenti in Superbia e mi ha fatto piacere che abbia apprezzato la mia serietà e professionalità, anche se sono un “novellino ” per questo ambiente! Il suo circuito “in The Cage” è molto appassionate e divertente e porta sempre qualche estrema novità che viene poi immancabilmente copiata da tutti, ma questo è il mercato e la concorrenza (leale) fa sempre bene!

Per quanto riguarda Venator: un nome, una garanzia. Ho sempre guardato sin dalla nascita i loro eventi e ora mi ci trovo a collaborare! Per me, una vera soddisfazione. La professionalità e la precisione con cui organizzano eventi è davvero da tenere in considerazione.

Ovviamente queste due non sono le uniche realtà con cui collaboriamo, ce ne sono molte altre, sia nazionali sia internazionali. Vedrete presto sui social novità al riguardo!

Le ultime domande riguardano un paio di atleti che gestite. Quando torna a combattere Daniele Scatizzi? 

Molto presto! Nel frattempo è stato ancora una volta chiamato per il camp di preparazione al match di Gunnar Nelson, che dovrà combattere in UFC il 16 Marzo contro Leon Edwards, tra i primi 10 della categoria dei welter UFC.

Com’è nata la collaborazione con Mara Romero Borella?

Mara l’ho conosciuta al Predator di Stabile, l’ho poi invitata al The Golden Cage e da li è nato tutto. Il suo manager americano è davvero una persona aperta e disponibile.