Amedovski: “Sono pronto, ho preparato diverse strategie in tutti i campi”

Alen Amedovski (7-0) sabato prossimo tornerà in azione contro il francese Ibrahim Mané (7-1) a Bellator 211, in scena a Genova.

Amedovski riabbraccia Bellator dopo la convincente vittoria contro Will Fleury. Il fighter macedone ha ottenuto 6 successi per TKO e uno, l’ultimo, per KO. Cinque di questi sono arrivati al primo round. Statistiche impressionanti per un atleta che ha nella potenza dei colpi uno dei suoi punti di forza, insieme a un grappling da non sottovalutare.

Mané è reduce da due vittorie negli ultimi tre incontri. Ha conquistato 4 successi per KO/TKO, 2 via submission e uno dopo il verdetto dei giudici. La sua unica sconfitta l’ha subita tramite decision. Arriva dalla Extreme Fighting Championship (EFC), la promotion sudafricana di cui è campionessa la nostra connazionale Chiara Penco.

Abbiamo contattato Amedovski per rivolgergli qualche domanda sul match. Ecco le sue sensazioni in merito.

Il tuo avversario è un fighter completo, pericoloso sia in piedi che a terra, con una sola sconfitta in carriera. Che tipo di incontro ti aspetti?

Mi aspetto il match vada così come lo abbiamo studiato, ci lavoriamo da 6-7 settimane. Andrà come deve, ovvero come abbiamo pianificato.

Nel tuo ultimo incontro, vinto proprio in Bellator contro Fleury, l’irlandese aveva subito cercato di portarti al suolo per sfuggire alla pesantezza dei tuoi colpi. Pensi che anche Mané abbia preparato un gameplan simile?

Certamente, Fleury voleva portarmi a terra, ma anche in quell’occasione ce lo aspettavamo perché lo abbiamo studiato molto durante la preparazione. Grazie al lavoro fatto con il mio team sapevo esattamente cosa aspettarmi da lui. Ero pronto per rialzarmi se mi avesse portato al suolo, sapevo tutto nel dettaglio. Sono pronto per chiunque, se anche Mané vorrà portarmi al suolo, poi vedremo quali saranno le conseguenze. Sono preparato per tutto quello che potrebbe fare, anche si mettesse a volare sarei pronto a prenderlo!

In carriera hai sempre vinto per KO/TKO, mentre l’unica sconfitta di Mané è arrivata via Decision. Hai visto i suoi incontri? Credi che abbia un mento particolarmente solido oppure non ha mai affrontato un fighter con il tuo KO power?

Poco importa che Mané abbia perso una volta sola per decisione dei giudici, io farò il mio. Mi baso sempre su diversi piani di lavoro e strategie multiple, per cui se non dovesse venirmi una tecnica, opterò per un’altra. Ovviamente entrerò in gabbia per vincere.

Non sei mai andato oltre la seconda ripresa, mentre il tuo avversario ha lasciato in due occasioni il verdetto nelle mani dei giudici: pensi che questo potrebbe avvantaggiarlo se il match dovesse arrivare al terzo round?

Sono pronto a fare 10 round. Davvero, sono preparato in ogni aspetto, anche nel caso in cui il match dovesse andare alla distanza. Non mi preoccupa arrivare alla terza ripresa, so quello che devo fare, e sabato prossimo lo vedrete tutti.

Hai mostrato un’ottima difesa dai tentativi di portarti a terra nell’incontro con Fleury, ma Mané ha vinto due incontri per Submission. Ritieni che il vostro grappling sia allo stesso livello?

Mi alleno con alcuni tra i migliori al mondo, sia nella lotta che nello striking, perciò non temo il grappling del mio avversario. Non è importante quello che penso io, ma quello che accadrà in gabbia, e sabato prossimo sarà chiaro a tutti!

 

Autore: Tommaso Clerici

Laureato in Comunicazione e Società all'Università Statale di Milano, amo scrivere, pratico boxe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...