UFC fuga ogni dubbio su Mara Romero Borella

Riprendiamo interamente un articolo di MmaJunkie,con questo si può dire chiusa una vicenda che ultimamente ha fatto discutere

A Mara Romero Borella peso mosca UFC, potrebbe essere vietato combattere in Italia, ma è libera di combattere nella UFC.

L’Agenzia antidoping statunitense (USADA) ha dichiarato oggi di non riconoscere un divieto senza precedenti di 26 anni emesso a Borella (11-5 MMA, 1-1 UFC) lo scorso mese in connessione con il suo arresto con l’accusa di traffico di droga in il suo paese natale.

Poiché i presunti reati di Borella riguardano droghe di strada che non sono vietate al di fuori della concorrenza, non è in violazione del programma anti-doping dell’UFC.

“In seguito alla nostra revisione, abbiamo determinato e successivamente informato l’UFC che Maria Borella è idonea a competere negli eventi UFC perché la violazione che ha provocato il suo divieto da parte dell’ente nazionale antidoping (NADO) non è un reato riconosciuto ai sensi del Programma anti-doping UFC, “La portavoce di USADA Danielle Eurich ha scritto a MMAjunkie in una dichiarazione preparata. “È stata sanzionata dalla NADO italiana per il suo coinvolgimento nel traffico di droghe di strada – marijuana e cocaina (solo in competizione proibita) – senza alcun intento di migliorare le prestazioni.

“L’ADP UFC non considera questa una violazione perché l’attività non era correlata al miglioramento delle prestazioni. In quanto tale, la signora Borella rimane idonea a competere negli eventi UFC. ”

Come l’USADA, l’organizzazione nazionale antidoping italiana è firmataria del codice dell’Agenzia mondiale antidoping (WADA). Ma mentre agisce come amministratore dell’ente anti-doping dell’UFC, l’USADA non è tenuta a riconoscere le decisioni di altri firmatari della WADA.

MMAjunkie non è stato in grado di raggiungere Borella per un commento e il suo manager non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Secondo un rapporto pubblicato lo scorso mese da MMAToday.com, Borella e il suo ragazzo sono stati arrestati nel 2012 e accusati di aver trattato cocaina e cannabis in una varietà di località intorno a Piacenza, in Italia.

Nel 2014, Borella ha ricevuto una sospensione di 15 anni dall’agenzia anti-doping italiana, molto prima che iniziasse la sua carriera nell’UFC. Ma questo mese scorso, le è stato concesso un secondo mandato di 15 anni per aver violato il regime dell’agenzia contro la concorrenza mentre era sospeso e utilizzando le strutture italiane per addestrare, secondo il rapporto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...