L’ANNO D’ORO DI ALESSANDRO BOTTI

Alessandro “Bad” Botti (15-8), nonostante sia un classe 1988, è uno dei veterani delle MMA italiane. Una lunga carriera passata accettando tutti gli avversari che gli venivano proposti in svariate categorie di peso (leggeri, welter, addirittura medi contro un certo Mattia Schiavolin).

Dal 2015 ad oggi Alessandro ha avuto alti e bassi, fino ad arrivare al 2017, l’annus horribilis della sua carriera dove rimedia per la prima volta tre sconfitte consecutive.

Il 2018 è, però, l’anno della svolta: al Venkon, categoria 77 kg, finalizza tramite rear naked choke l’esperto americano ex Bellator nonché cintura nera di BJJ Derrik Kennington; nemmeno tre mesi di stop e torna in gabbia ad ICF 2 dove nel primo round ferma per TKO Raffaele Spallitta; passano altri due mesi e combatte nel co-main event di ICF 3 contro l’insidioso atleta albanese Gert Kocani: dopo quattro riprese dominate da Botti l’italiano riesce a vincere per TKO ed a portare a casa il titolo ICF dei pesi leggeri.

Il 29 settembre lo attenderà la sua prima difesa titolata, ad ICF 4. Suo avversario sarà l’espertissimo Abner Lloveras (21-10-1), atleta spagnolo che ha militato, fra le altre, in UFC e M-1. Sarà per Botti l’occasione giusta per mettere un punto esclamativo sulla propria carriera. Queste le sue parole a Spirito Guerriero:

– Dopo due annate difficili il 2018 è stato sicuramente l’anno della svolta: tre vittorie consecutive tutte prima del limite. Cosa pensi sia cambiato?

– Ciao a tutti è sempre un piacere scambiare due chiacchiere con voi!Penso che prima di tutto sia cambiato io: mi sento un’altra persona mentalmente e arrivo nella gabbia sempre carico come non mai. Ovviamente è importante stare bene nella vita di tutti i giorni per rendere al massimo e questo è un periodo dove sto al top sia in famiglia che con i miei team; queste cose fanno la differenza!

– Come ti senti e come sta andando la preparazione?

– Mi sento una bomba pronta ad esplodere e la preparazione sta andando alla grande!

– Prima difesa del titolo pesi leggeri ICF. Affronterai un avversario dalla grande esperienza, che ha militato in promotion quali UFC e M-1 ed ha anche partecipato al TUF. Quale pensi possa essere la chiave di volta per portare a casa il risultato?

– Non credo di aver trovato la chiave di volta per vincere il match, anzi se l’aveste trovata voi per favore potreste dirmelo! (ride, ndr) A parte gli scherzi è un avversario duro e con molta esperienza, credo che allenarmi tutti i giorni a testa bassa sia l’unico modo di affrontare questo match… e lo sto facendo giorno dopo giorno insieme ai miei compagni di team!

– So che ora sarai concentrato solamente sul prossimo match, ma ti chiedo di farmi un nome che ti piacerebbe affrontare nel futuro prossimo.

– Niente nomi; anche perché sono solito accettare qualsiasi sfida. Spero che dopo questo match possa arrivare qualche chiamata importante, mi sento nel momento migliore della mia carriera e credo di aver dato tanto a questo sport in Italia. Ora vorrei trarne anche qualche soldino (ride, ndr).

– In caso di vittoria sarebbero quattro di fila contro avversari di rilievo: quanto ti senti lontano dalla chiamata di una promotion internazionale?

– Non so quanto sono lontano; dico solo che se arriverà qualsiasi chiamata importante io sono pronto ad accettarla!

– Avete creato in questi anni un team molto unito che vanta nomi noti delle MMA italiche (tu, Scatizzi, Binda anche se non combatte più ecc). Come stanno andando le cose? Avete dei progetti per il futuro?

– Sì, siamo un team affiatato e in continua evoluzione con nomi di spicco per la Brianza. I progetti per il futuro rimangono gli stessi, continuare a migliorare e portare a casa i risultati! Grazie davvero per la chiacchierata, voglio ringraziare ovviamente chi con me sta sputando sangue per questa preparazione quindi i miei team Ramada e Clan Mano Di Pietra e tutti i miei partner sparring e coach Andrea Maniaci, Daniele Scatizzi, Cristian Binda, Andrea Fusi, Luca Panzetta, Robertino Valli, Marco Motta, Mirko Ottarini loro e tutti i ragazzi dei team sono indispensabili e senza di loro non sarei niente! Ci vediamo il 29 settembre al teatro principe per ICF4…non mancate ciao a tutti!

Credit: Fabio Barbieri, ICF

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...