Le prime dichiarazioni di Pedersoli Jr dopo la vittoria in UFC

Carlo Pedersoli Jr si è concesso ai microfoni dei giornalisti presenti all’evento di Liverpool dopo il successo ottenuto contro Brad Scott (https://spiritoguerriero.wordpress.com/2018/05/27/pedersoli-jr-vince-contro-brad-scott-ad-ufc-liverpool/). Ecco le dichiarazioni di “Semento”:

Riguardo la decisione dei giudici. “Ero sicuro al 100% della vittoria. Non so perchè sia arrivata per split decision, non sono molto d’accordo, devo rivedere il match. Penso che il knockdown del primo round abbia influito sul verdetto, ma il colpo non è stato duro, ed io ero sbilanciato in quel momento. Credo di aver vinto tutti e tre i round, guarderò i video dell’incontro”.

Sulla short notice. “Ho saputo di questo match poco tempo fa, è stato veramente difficile prepararmi. Quando i miei coach me lo hanno detto, in una mano avevo una birra, nell’altra del sushi; beh, li ho buttati entrambi, e sono venuto qua per combattere in UFC”.

Il knockdown. “Sì, nel primo round sono finito knockdown, ma non ho sentito molto quel colpo. Certo, mi ha colpito nel punto giusto, ma mi sono alzato subito, mi sono rimesso in piedi velocemente, sulle mie gambe”.

L’avversario. “Non ho avvertito la pesantezza delle sue mani come avevo immaginato, ma era veramente lungo, quindi ho fatto il mio gioco per tenerlo a distanza, ma è stato difficile. Ho cambiato qualcosa nel corso del combattimento, mi aiutato molto il gameplan perfetto che ho preparato con il mio coach Lorenzo (Borgomeo, ndr)”.

Sul futuro. “Adesso mi prenderò un mese di pausa, poi sarò pronto per combattere di nuovo. Non so chi mi piacerebbe affrontare, ci sono davvero tanti fighter nella mia divisione con cui mi piacerebbe combattere, ma non è quello di cui mi devo occupare io, affronterò chiunque mi metterà davanti la UFC, d’accordo con il mio manager. E’ solo il mio primo match in questa promotion, sono appena arrivato, non mi piace l’idea di iniziare a dire con chi voglio combattere. Prima devo vincere altri incontri, poi forse potrò parlare“.

Il prossimo italiano in UFC. “Riguardo la situazione delle Mma italiane, credo che ci sia un altro fighter pronto per il salto in questa promotion: Mauro Cerilli, il miglior peso massimo del nostro paese e in Europa, non so perchè la UFC non l’abbia ancora chiamato. Per me, lui è il prossimo“.

 

Autore: Tommaso Clerici

Laureato in Comunicazione e Società all'Università Statale di Milano, amo scrivere, pratico boxe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...