Next to IFC 3. Cosa aspettarsi da Paternò vs Maguire

Tra quattro giorni andrà in scena Italian Fighting Championship 3 al Teatro Principe di Milano. Il main event della serata vedrà opposti, per il titolo dei pesi welter, il ventiduenne milanese Stefano Paternò, reduce dall’epica battaglia contro Giorgio Pietrini conclusasi in parità a Venator Kingdom 1, e il veterano inglese John Maguire, 34 anni, fighter Cage Warriors ed ex Ufc (da fine 2011 al 2013, per 5 match: le prime due vittorie, poi tre sconfitte consecutive).

John “The One” Maguire (26-10) ha vinto 7 degli ultimi 9 incontri disputati, 6 di questi prima del limite. L’ultima volta che è entrato in gabbia è stata proprio in Italia, alla Venkon Fight Night 2 del 21 gennaio 2018; in quell’occasione sconfisse Leonardo Damiani con una ghigliottina nel corso del primo round. La sua arma migliore sono, non a caso, le sottomissioni, che gli hanno permesso di ottenere 16 vittorie delle sue 26 totali. A terra, dunque, il fighter inglese è davvero pericoloso, vantando un ottimo jiu jitsu e grappling: basti pensare che non ha mai perso per submission. Inoltre è dotato di un buon mento, dal momento che su 10 sconfitte, 7 sono arrivate ai punti e solo 3 per Ko/TKo. Come suggerito dalla sua età, è un veterano di questo sport, e sicuramente cercherà di far valere la propria esperienza sulla freschezza dell’avversario.

Stefano Paternò (10-2) ha già sconfitto un fighter ex Ufc ed esperto di sottomissioni: si tratta di Cody McKenzie (che vanta 14 vittorie su 16 per finalizzazione), battuto dal nostro connazionale per TKo a Venator Kingdom 1. Il giovane milanese farà ricorso al metodo AllPoints, sotto la supervisione del suo Maestro Garcia Amadori della MMA Atletica Boxe, consistente in una preparazione che prende in considerazione ogni aspetto del combattimento. Paternò ha ottenuto 6 vittorie su 10 per Ko/Tko, e 3 per sottomissione; anche lui si dimostra un fighter molto duro, dato che le uniche due sconfitte in carriera sono arrivate via decision. Inoltre non è un mistero che Stefano graviti nell’orbita della Ufc: una vittoria potrebbe portarlo ad un passo dalla realizzazione del suo sogno.

Per concludere, le statistiche sembrano propendere per un confronto in cui Paternò cercherà di far valere la propria abilità da Ko e la pesantezza delle sue mani, contro Maguire che verosimilmente tenterà di portare il match a terra. Tuttavia ogni scenario è possibile, dato che entrambi sono atleti davvero rocciosi e soprattutto completi, oltre che talentuosi. L’esperienza dell’inglese si scontrerà con la fame e la determinazione del giovane italiano: chi prevarrà? Speriamo, in primis, lo spettacolo!

 

 

Autore: Tommaso Clerici

Laureato in Comunicazione e Società all'Università Statale di Milano, amo scrivere, pratico boxe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...